al sitoweb Acerbis


24124 Bergamo piazzale Goisis 6 (Lazzaretto)

telefoni 035.235534/243406

 

mail  info@motoclub.bergamo.it

al sitoweb Acerbis

         
      
 

i numeri dei partecipanti

 alle edizioni record

 

2004 - 3.060
2001 - 2.707
2000 - 3.340
1998 - 3.122
1996 - 3.090
1995 - 2.921
1994 - 3.538
1993 - 2.974

1996 - 3022

2000 - 3340

2004 - 3060

 

 
     
     
       
     
     

 

 

LA CAVALCATA

 

STORIA - La regina delle non competitive nata nel 1961

 

L'impegno, la passione, il lavoro di tanti soci del MOTO CLUB BERGAMO sono stati e sono tuttora il mix ideale affinché una manifestazione imponente come la CAVALCATA DELLE VALLI OROBICHE trovi degnamente la sua fortuna da oltre 50 anni anni coinvolgendo dagli 80 partecipanti nel 1961, anno dell'esordio, alle migliaia dei giorni nostri. 

L'idea fu del vulcanico FULVIO MAFFETTINI che, nel lontano 12 novembre 1961, riuscì ad ideare ed a concretizzare una gara di regolarità non per i soliti piloti, ma per tutti gli uomini ombra che lavoravano, in umiltà, dietro le quinte della manifestazioni, mentre i campioni correvano e vincevano sui sentieri e sulle mulattiere delle famose Valli Bergamasche.

 

La gara era aperta a tutti: cronometristi, addetti ai controlli, ai responsabili dei percorsi, ai segnalatori, ai meccanici, ai direttori sportivi ed a tutti gli appassionati e soci del MOTO CLUB BERGAMO che, per una giornata, diventavano i veri protagonisti. La competizione autunnale scelse la seconda domenica di novembre come sua data ideale e, nonostante il maltempo, incontrò il favore di tutti ed entrò stabilmente nel calendario delle manifestazioni sportive del Club chiudendo l'annata sportiva.

 

Dopo due anni di manifestazione individuale, Maffettini, copiando il trofeo Baracchi di ciclismo a cronometro a coppie, viste le difficoltà dei sentieri delle nostre Valli e la lunghezza dei percorsi, portò delle correzioni alle regole della manifestazione introducendo la partecipazione di coppia per rendere meno monotono il lungo tragitto e, in caso di necessità, avere al proprio fianco un compagno che potesse dare una mano.

 

Indovinata la formula e la semplicità di una manifestazione che a poco a poco estese la sua fama ed il suo richiamo oltre i confini della Bergamasca interessando sempre più appassionati di tutte le province italiane e di stati esteri come la Francia, la Svizzera e la Germania. Un po' alla volta arrivano anche i soci del Bergamo di stati esteri quali l'Australia e gli Stati Uniti D'America.

 

Le zone più famose di questa manifestazione sono i paesi dell'Alta Valle Seriana e dell'Alta Valle Brembana che hanno sempre dato le sedi alla più famosa gara internazionale di enduro quale è la famosa VALLI BERGAMASCHE.
Questi ridenti paesi sono ancora oggi le basi indispensabili per poter organizzare degnamente una Cavalcata ed ai loro amministratori ed appassionati va un grande ringraziamento per tutto quello che fanno per la riuscita della manifestazione:
CLUSONE, ROVETTA, CASTIONE DELLA PRESOLANA, FINO DEL MONTE, ONORE, CERETE, SONGAVAZZO, SAN PELLEGRINO, SAN GIOVANNI BIANCO, ZOGNO, SELVINO, BOSSICO, COLERE, VILMINORE, AZZONE, SOVERE, LOVERE, SCHILPARIO, GANDINO.

 

Inizialmente la Cavalcata era una manifestazione per soli enduristi mentre in seguito, visto il continuo entusiasmo e visto che il Club era frequentato anche da altri specialisti, venne deciso di allargare a tutte le categorie di motociclisti la partecipazione, logicamente con percorsi ben differenziati per motivi sia sportivi che organizzativi. La soluzione ottimale si ottenne destinando ad ogni specialità il suo percorso ideale senza intralci con partenze in punti diversi ma con un unico arrivo per formare un insieme di piloti e di mezzi diversi unico al mondo, un insieme di colori, di sorrisi, di soddisfazioni, di amicizia e passione.

 

A lungo cinque diverse categorie. ovvero MOTO DA ENDURO - MOTO DA TRIAL - MOTO D'EPOCA - MOTO DA STRADA - CICLOMOTORI O SCOOTERS hanno solcato le strade bergamasche e bresciane la seconda domenica di novembre per dare vita , ogni anno, all'avventura della CAVALCATA DELLE VALLI OROBICHE.

 

Le partenze delle specialità del fuori strada venivano date in Alta Valle vicino ai percorsi scelti ad hoc e vicine sempre alla località di arrivo, mentre le partenze per le moto da Strada, Epoca e Scooters avvenivano in località vicine alla sede del Club ma con spazi abbastanza grandi per garantire un parcheggio e partenze ideali e sicure per oltre 2000 moto.
Ogni volta le riprese televisive e le informazioni radiofoniche o giornalistiche hanno fatto da tam-tam e la manifestazione ha avuto un crescendo impressionante e continuo portando il record di presenze a 3.538 unità nel 1994 a Cerete, il 13 novembre 1994, con una giornata di sole splendido.

 

Nel 1978 erano meno di trecento. Nel 1979 si sfiorò quota settecento. Nel 1980 venne superato il tetto fatidico delle mille unità. Nel 1981 si presentarono al via 1100 piloti.
Nel 1982 gli iscritti furono 1.350. 

Nel 1983 incredibile balzo a 1.630. Nel 1984 si toccò la punta di 1.800 partecipanti. Le difficoltà cominciarono ad aumentare nel 1987 quando si presentarono alla partenza oltre 1900 " cavalieri" ed i permessi sui sentieri e percorsi stradali intasati ebbero le prime risposte negative che rivoluzionarono i percorsi preparati. 

 

La 32a Cavalcata del 1992 vide l'iscrizione di ben 2.388 partecipanti e nel 1994 , come detto prima, il record a Cerete 3.538 con 1.298 enduristi, 679 trialisti, 1.221 moto da strada, 191 scooter e 149 moto d'epoca. Sempre in Alta Valle Seriana, a Castione della Presolana il 12 novembre 1995 si arrivò ad un totale di 2.921 partecipanti nonostante le cattive condizioni meteo e le inondazioni che hanno interessato tutto il Nord Italia.

 

Nel 1996, dopo molti anni di partenze per le moto da trial e da enduro in Valle Seriana, si scelse di partire in Valle Brembana, a San Pellegrino Terme, 3022 partenti, per dare un po' di respiro alla Valle Seriana dopo tante manifestazioni svolte sui suoi sentieri non ultima la 36a VALLI BERGAMASCHE a Castione della Presolana prova di Campionato del Mondo di Enduro 1994. 

 

Alla Cavalcata, va ribadito, non si cerca il record ma una simpatica atmosfera di passeggiata domenicale per godersi, si spera, in una domenica di festa al sole dell'estate di San Martino, una simpatica giornata di tantissima voglia di moto in attesa della neve e della nebbia invernale. Ormai siamo ad un passo dalla 50^ edizione con l'unico obiettivo di portare all'arrivo tutti i partecipanti, siano essi campioni o meno bravi, portare tutti alla festa di fine manifestazione mangiando e brindando moderatamente in amicizia ed in allegria con tanti piloti che da un anno aspettavano di rivedersi.

 

Nel 1997 la Cavalcata è tornata in Alta Valle Seriana, a San Lorenzo di Rovetta, con percorsi un po' più spaziosi ed ideali: il percorso scelto è lungo e spettacolare, ma un tempo infame con freddo, pioggia e neve, accoglie malamente i 1443 partecipanti facendo scappare i meno avventurosi ma più numerosi dei partenti (61 moto epoca, 75 scooter, 168 moto da strada, 354 trial e 785 enduro : questi gli iscritti ma molti non sono partiti o si sono ritirati dopo la partenza senza passare dal traguardo).
Nel 1998, visti i numeri da gestire soprattutto per il fuoristrada, si tenta la carta provincia di Brescia , in Valcamonica, nella ridente ed accogliente cittadina di Borno: molti avevano dubbi sullo spostamento, ma le attrezzature e le bellezze della zona , hanno convinto tutti della validità della scelta . Una giornata meravigliosa, l'8 novembre 1998, accoglie i 3.122 protagonisti della 37^ Cavalcata che - entusiasti delle larghe mulattiere e veri sentieri da enduro e trial - promettono il ritorno sempre a Borno per il 1999. Ritorno voluto ed apprezzato anche dalla Amministrazione locale che permette alla 38^ Cavalcata di ricevere i suoi 1.944 amanti nonostante la neve e la pioggia.

 

Il posto piace e si addice alla Cavalcata : l'amministrazione di Borno li rivuole e nel 2000, alla 39^ edizione, con tempo nuvoloso ma non piovoso, a Borno si raggiungono i 3.340 centauri, tutti felici ed orgogliosi di aver portato a termine la loro impresa.
Per anni, oltre ai campioni dell'enduro come i vari Farioli, Sala, Gritti, Nicoli ecc. partecipano spesso Roberto Locatelli, campione del mondo di velocità 125, ed il suo grande amico Fabrizio Pirovano, segno che la festa è veramente internazionale e mondiale.

 

La 40^ edizione riserva qualche sorpresa sul discorso permessi. Alcuni comuni non concedono il passaggio ed è quindi gioco forza cambiare il percorso e con l'aiuto di Amministrazioni avvedute si riesce a combinare un anello di 60 Km. di fuoristrada ben accettato ed apprezzato dai 2.707 piloti che si sono presentati. Non hanno aiutato l'evento le perturbazioni ed il freddo di quei giorni ma, nonostante tutto , anche la sera dell'11 novembre 2001 è arrivata con soddisfazione e senza grossi incidenti.

 

Negli anni 2002 e 2003, per le difficoltà sempre maggiori incontrate nell'ottenere i permessi di passaggio nei tratti fuoristrada, la manifestazione non si è potuta realizzare, per il 2004 è stata trovata la disponibilità di Valbondione, nuovamente in Bergamasca, all'apice dell'Alta Val Seriana, ed è stata varata la 41esima edizione, che ha coinvolto almeno quattromila appassionati, oltre tremila quelli con regolare iscrizione.

 

Dal 2005, grazie alla voglia di mantenerla in vita del concessionario Honda ed ex campione Sandro Dall'Ara, la manifestazione viene proposta in versione stradale e in seguito, dal 2007, è stata anticipata al solitamente più mite mese di ottobre.

 

 


 

GIOVANNI NEMIS:

"Davanti ad Arnaldo Farioli alla mia prima Cavalcata"

i ricordi di uno dei protagonisti della edizione inaugurale del '61

La Cavalcata non prevede vincitori, si tratta di una non competitiva e quindi, al più, le premiazioni finali coinvolgono i gruppi più numerosi, i partecipanti più giovani o più anziani, quelli arrivati apposta da più lontano. C’è però una graduatoria speciale alla quale i centauri più affezionati alla manifestazione tengono molto, è quella relativa al numero di partecipazioni, ed in proposito un ruolo da primattore svolge certamente Giovanni Nemis, il presidente della sezione Veteran Club, quella che riunisce soprattutto i collezionisti e appassionati di moto d’epoca, da anni la più consistente del Moto Club Bergamo.

 "E’ vero, penso di essere tra i pochissimi che hanno partecipato a tutte le Cavalcate o quasi" conferma Nemis, classe ’38 "sono mancato una sola volta, quando  ho avuto una febbre da cavallo, e forse un’altra ancora, ma non ne sono sicuro. Non so se qualcuno abbia fatto meglio, in ogni caso non saranno molti. Di sicuro c’ero alla prima edizione, quella che si svolse nel novembre del 1961, per la quale collaborai anche con Fulvio Maffettini per l’organizzazione. Fu una giornata da lupi, con un freddo siberiano, pioggia tutto il giorno e conclusione a San Pellegrino, nella villa dell’allora presidente del Moto Club Bergamo, il comm. Bonfanti. Io mi presentai in sella ad una Gilera Giubileo 98, saremo stati in tutto una ottantina. Allora, prima di diventare una non competitiva a coppie, era una gara di enduro vera e propria, e dato ilGiovanni Nemis maltempo fioccarono le penalità. Io ricordo che risultai penultimo, con 28 minuti di ritardo, ma ebbi la soddisfazione di precedere Arnaldo Farioli. Allora era un ragazzo, corse con la stessa Bianchi 75 che utilizzava per fare le consegne della panetteria paterna di Città Alta. Prese 31 punti. In seguito divenne il grande campione di regolarità e l’importatore della Ktm".

 

 "In quei primi anni una delle nostre prime preoccupazioni era, oltre a preparare al meglio la moto per evitare sgradevoli rotture nel bel mezzo della gara, contrastare il freddo e le intemperie "prosegue Nemis "non c’erano il " goretex" e gli altri materiali speciali di adesso, non c’erano le manopole riscaldate, i guanti non riparavano granché, al massimo potevamo far riprendere vigore alle mani avvicinandole ai cilindri roventi dei motori!". 

 

 

 

 

 

 

> all'edizione stradale del 2016

 

 

> alla photogallery della Cavalcata stradale 2016

 

 

> all'edizione stradale del 2014

 

> alla photogallery della Cavalcata stradale 2014

 

 

> al sommario della Cavalcata stradale 2013

 

 

> al sommario della Cavalcata stradale 2012 (annullata causa maltempo)

 

 

> al sommario della Cavalcata stradale 2011

 

 

> al sommario della Cavalcata stradale 2010

 

 

> al sommario della Cavalcata stradale 2009

 

 

> all'edizione del 2008

 

 

> alla photogallery della Cavalcata stradale 2008

 

 

> alla photogallery della Cavalcata trial 2008

 

 

> all'edizione stradale del 2007

 

 

> alla photogallery della Cavalcata stradale 2007

 

 

all'edizione stradale del 2006

 

 

> alla photogallery della Cavalcata stradale 2006

 

 

> all'edizione stradale del 2005

 

 

> alla photogallery della Cavalcata stradale 2005

 

 

> all'edizione del 2004

 

 

> alla photogallery dell'edizione 2004

 

 

> alla photogallery dell'edizione 2001

 

 

> alla 40^ edizione del 2001

 

 

> alla photogallery dell'edizione 1999

 

 

> la Cavalcata vista da Dario Agrati

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

    

 

top

webmaster Danilo Sechi  -  copyright ©2009 Moto Club Bergamo  -  info@motoclub.bergamo.it